Ohhh, pubblicità, troppa, al momento sbagliato….ci piace lamentarci delle pubblicità di Facebook (Facebook Ads), ma molti di noi hanno fatto almeno un acquisto che amano grazie a un annuncio ben mirato e ben scritto.

Quando funziona, funziona!

 

facebook ads

Noi di Easy Social scriviamo annunci per i clienti più diversi e abbiamo perfezionato delle tecniche per scrivere un testo pubblicitario su Facebook che converte il più possibile. Oggi vogliamo condividere alcune di queste tecniche con voi lettori.

Spoiler: questi suggerimenti non ti aiuteranno a creare testi pubblicitari per Facebook in pochi minuti: scrivere bene richiede tempo, ma ne vale la pena. 

 

Facebook è come un mare… e pesci diversi hanno bisogno di esche diverse!

 

 I testi non saranno sempre uguali per le varie tipologie di pubblico.

 

Suggerimento Ninja (che non conosce quasi nessuno): su Facebook, puoi imparare dagli altri!

La sezione “trasparenza della pagina” offre a noi, al pubblico, una piena divulgazione di ciò che un’azienda sta promuovendo, di conseguenza anche dei testi che usa. C’è una pagina Facebook che ti sembra particolarmente animata e vincente? Trai ispirazione!

Infatti Facebook ti consente di vedere tutti gli annunci che stanno pubblicando attualmente, e quelli pubblicati in passato.

 

Ecco degli esempi di annunci che catturano l’attenzione:

 

Annunci How-to: 

Si tratta di un annuncio più simile a un pezzetto di una guida o un blog, estremamente ricco e incentrato sui contenuti.

Le persone possono ottenere informazioni semplicemente leggendo l’annuncio.

Annunci in cui prendete posizione: 

Ci assicuriamo che la prima frase catturi subito l’attenzione. 

Forse esiste una convinzione comune con cui non diete d’accordo?

Questo può essere un ottimo vantaggio per un annuncio. 

Non abbiate paura di avere un’opinione su qualcosa, soprattutto se è qualcosa in cui siete esperti!

L’umiltà è da apprezzare, ma l’arroganza premia

Ti hanno insegnato che le buone maniere e l’umiltà fanno di te una persona migliore.

Tutto vero ma purtroppo il nostro cervello va in brodo di giuggiole nel momento in cui c’è qualcuno che ostenta arroganza, e questo vale anche per la percezione che abbiamo dei brand.

Se il tuo annuncio di Facebook Ads trasmetterà nel copy una sensazione di esclusività i consumatori faranno a gara per averlo: 

pensaci….da “The best or nothing”di Mercedes e “Das auto” di Bmw …alla scarsa sobrietà Apple del “Migliore iPhone di sempre”;

Quanti brand famosi sfruttano questa tecnica? 

L’importante è non esagerare.

 

Scrivi diverse versioni dello stesso annuncio 

 

Tieni presente che il tuo annuncio cambierà a seconda di dove si trovano le tue persone nel funnel di vendita.

L’intera struttura dell’annuncio dipende da dove si trovano le persone nel percorso quando vengono scelte come target.

Il tuo annuncio dovrebbe avere un aspetto diverso se si rivolge ad un pubblico “freddo” piuttosto che verso chi ha interagito con il tuo marchio, che forse è persino arrivato sul tuo sito più volte.

La bellezza delle Facebook Ads è la loro specificità nel targeting.

A proposito di pubblico target:

 

Repetita iuvant

 

Gli studi sui comportamenti d’acquisto hanno dimostrato che per entrare nella nostra testa l’annuncio di un brand deve esserci mostrato almeno 10 volte.

Dopo essere incappati una decina di volte nello stesso messaggio, le ripetizioni ci spingono a considerarlo familiare e potremmo con più facilità acquistare il prodotto sponsorizzato.

Come migliorare in tale ottica i tuoi annunci di Facebook Ads?

Basterà scegliere di mostrare più volte l’annuncio allo stesso target, rinunciando a una maggiore visibilità per concentrare le visualizzazioni.

 

 

facebook adsScrivi prima …la fine

Inizia dalla parte più importante…l’offerta.

Quando scrivi questa parte, scrivi come se stessi spiegando l’offerta a un amico.

Sii colloquiale e adeguati al contesto, le persone trascorrono il tempo sui social per rilassarsi.

E’ utile esporre l’offerta in parole povere, ci sono moltissimi modi per farlo.

Questa sarà  la parte che non cambierà nelle varie versioni per i gruppi di pubblico.

 

Passiamo alla parte centrale.

Quanto dovrebbe essere lunga la parte centrale dell’annuncio dipende da te.

Abbiamo visto e testato offerte che riguardano una frase, un paio di frasi e persino alcuni elenchi puntati. 

Dipende dal prodotto, ricordati però di spiegare  la qualità del prodotto e inserire un link per acquistarlo.

 

Torna all’inizio e abbozza più di una frase d’aggancio.

 

La frase di aggancio condurrà a ciò che abbiamo scritto in precedenza: la seconda metà dell’annuncio (che hai già scritto), l’offerta e l’invito all’azione.

Ora è un gioco di abbinamento.

Quando scrivi un testo pubblicitario, l’ obiettivo è cercare sempre di renderlo il più adeguato possibile per la piattaforma.

Non vogliamo che sembri un annuncio pubblicitario.…anche se lo è!

Cerca di farlo sembrare qualcosa che dovrebbe appartenere al newsfeed.

 

E adesso, TESTA TESTA E ANCORA TESTA

 

facebook ads

Dopo aver scritto diverse frasi d’aggancio  puoi tornare indietro e collegare l’offerta e la parte di invito all’azione a ciascuno di esse.

Ora hai diverse versioni da testare su 1 campagna.

Questa è la parte divertente.

Basteranno pochi giorni e finalmente saprai cosa funziona davvero.

Non dimenticare che quando stai testando qualcosa attraverso le Facebook Ads devi cambiare solo un elemento alla volta.

Lo so, lo so, la pazienza è una virtù, ma è così che sarai in grado di dire cosa sta effettivamente funzionando, cosa sta facendo la differenza e cosa davvero non ha avuto alcuna rilevanza.

Tutta esperienza che potrai collezionare per le inserzioni successive.

Se cambi tutto ogni volta, non saprai mai cosa ha funzionato davvero.

Puoi cambiare e testare diverse versioni dell’offerta e della call to action? Assolutamente sì. 

MA QUASI SEMPRE si ottiene di più cambiando (solo) la frase d’aggancio. 

Non aver paura di avere un’idea e prova a testare cose diverse.

 

Citando Mark Twain: 

“Ci sono tre tipi di bugie: bugie, maledette bugie e statistiche.”

Se le statistiche dicono una cosa, ma il tuo pubblico sta rispondendo a una cosa completamente diversa, allora va bene !!

Fai di più: fai ….. ciò che funziona!

Più conosci il tuo pubblico e più ti sarà semplice capire ciò che può funzionare, e se ti serve un consiglio, rivolgiti a noi.

Operiamo in tutta Roma e possiamo aiutarti nella gestione del tuo sito o dei tuoi profili social.

Contattaci